Migliorare il posizionamento nella SERP di Google se si ha e-commerce di elettronica

google ecommerce 2000x926 1 - Migliorare il posizionamento nella SERP di Google se si ha e-commerce di elettronica

Uno degli aspetti principali da considerare se si vuole puntare con decisione all’aumento del traffico in entrata sul proprio sito di e-commerce è senza dubbio il miglioramento del posizionamento nella SERP di Google.

Ma prima di capire come fare, è bene spiegare di cosa stiamo parlando. La maggior parte delle aziende, comprese quelle che operano nel settore dell’elettronica, sanno bene che per competere con una concorrenza sempre più agguerrita e aumentare gli introiti è necessario operare nella maniera giusta a livello di marketing.

Già da qualche anno la promozione dei prodotti avviene principalmente online, ed è per questo che serve una struttura di web marketing altamente professionale e qualitativa.

La crescita di internet e negli ultimi tempi dei social network spinge sempre più le aziende (ma anche i liberi professionisti) ad affidarsi a team di professionisti – come ad esempio le web agency a Milano, ndr – per migliorare il posizionamento Google del proprio sito.

Posizionamento Google, SEO e SEM strumenti indispensabili

Per far sì che il proprio sito di e-commerce risulti tra i primi nelle ricerche degli utenti su Google basta infatti conoscere a fondo alcuni degli strumenti che permettono di raggiungere questo obiettivo.

Da dove partire, quindi? Sicuramente dalla Search Engine Optimization, conosciuta da tutti con l’acronimo SEO. Si tratta dell’ottimizzazione dei testi che si trovano all’interno del sito di e-commerce, che viene strutturata in base all’analisi delle parole chiave che emergono dalle ricerche degli utenti sui prodotti che vengono venduti dall’azienda in questione.

Proprio tramite queste “keywords”, i testi che caratterizzeranno il sito potranno far sì che lo stesso abbia un posizionamento molto alto nella SERP di Google. Inoltre, la SEO favorisce un’ottimizzazione della navigazione dell’utente sul portale, facilitando la ricerca e l’ottenimento di informazioni peculiari.

Altro aspetto da tenere assolutamente in considerazione per migliorare il posizionamento Google è la Search Engine Marketing, ovvero la SEM, che si differenzia dalla SEO perchè più “specifica”. Cosa vuol dire? Di fatto la SEM fa riferimento soprattutto ai banner pubblicitari da inserire nel sito.

Grazie alla SEM, quando un utente farà una ricerca su Google con una determinata parola chiave avrà a disposizione tra i risultati anche i cosiddetti annunci sponsorizzati, individuati con la dicitura “Ann”: sono proprio quei siti che hanno scelto di applicare una Search Engine Marketing molto qualitativa, che consente di far uscire tra i primi risultati il proprio sito di e-commerce.

Inoltre, la SEM è largamente gettonata anche perchè consente di avere un pubblico qualificato, con caratteristiche ben precise: per farla breve, con la SEM è possibile “targettizzare” il traffico in entrata, e quindi i potenziali clienti, rivolgendosi solo a coloro davvero interessati ai prodotti proposti.

I social media aiutano a migliorare il posizionamento Google?

SEO e SEM sono quindi i migliori strumenti da utilizzare per migliorare il posizionamento nella SERP di Google per il proprio sito di e-commerce. Tuttavia ne esistono anche altri che contribuiscono a far risultare il portale tra i primi risultati nelle ricerche, come ad esempio Google My Business.

Si tratta di un tool che consente di creare una scheda local per la propria azienda, sempre aggiornabile, in grado di fornire informazioni che aiutano l’utente a capire meglio cosa ha di fronte.

Aggiornando spesso queste informazioni, il proprio sito comparirà tra i primi nei risultati di ricerca locale, dove viene solitamente favorita la pertinenza.

Infine, anche i social media possono migliorare il posizionamento nella SERP di Google. Dato che il sito di e-commerce ha bisogno di utenti “reali”, un’ottima idea è quella di sfruttare gli algoritmi dei social, che spesso premiano le inserzioni a pagamento.

Inoltre, i testi dei post devono essere sempre brevi, chiari e diretti, con parole chiave che andranno a migliorare il ranking sui motori di ricerca e di conseguenza aumenteranno la visibilità del brand.

Leggi anche: navigatore per android offline – Leggi anche: screenshot Galaxy S4 – Leggi anche: screenshot Galaxy S5 – Leggi anche: compleanni facebook – Leggi anche: disinstallare candy box – Leggi anche: questo plugin non è supportato – Leggi anche: elenco siti truffaldini – Leggi anche: k45f virus

Potrebbero interessarti anche...